News

Come controllare la fame nervosa

Come controllare la fame nervosa

17 Agosto 2017

La fame nervosa è un disturbo, molto frequente legato all'alimentazione. Questo problema invoglia e spinge le persone a mangiare in modo impulsivo e incontrollato, non per un bisogno, ma bensì, per sfogare diversi malesseri come la tensione nervosa, l'ansia e la preoccupazione.

La fame nervosa, come abbiamo già detto, nella maggior parte delle persone, provoca un aumento nel mangiare senza una vera necessità e porta a consumare, purtroppo alimenti poco salutari sia dolci, che salati. Questo disturbo, si ripercuote causando problemi non solo sulla salute fisica, ma anche sul benessere psicologico. In questa nuova guida dedicata al benessere della salute, scopriamo alcuni consigli per controllare la fame nervosa e "tenerla a bada".

La prima cosa da fare è resistere alla tentazione di mangiare snack, come le patatine, le merendine, zuccheri raffinati e controllare il consumo di caffè, perché questi cibi e bevande, alimentano il senso di nervosismo e ansia. Il consiglio è di preferire alimenti come la frutta secca, la verdura e i legumi, perché svolgono un'azione calmante e rilassante.

La carenza di alcuni minerali come il fosforo e il cromo, può aumentare il senso di fame nervosa, perché l'organismo è costretto a produrre una maggiore quantità di zuccheri, proteine e grassi.

Quando la fame nervosa diventa incontrollabile, il consiglio è di consumare alimenti ricchi di triptofano, perché agiscono producendo la seretonina, che mantiene l'umore stabile e attenua il desiderio di mangiare.

Durante questa fastidiosa situazione, consumare alimenti come l'arancio amaro e la rodiola rosea, aiutano a ridurre lo stress, calmano il senso di ansia e controllano gli attacchi di fame improvvisa.

La fame nervosa vi assale? Ora sapete, come tenerla sotto controllo!

Se avete ancora dei dubbi saremo felici di aiutarvi nel percorso per allontanare la fame nervosa.

Pressione bassa: che cosa fare?

Pressione bassa: che cosa fare?

16 Agosto 2017

La pressione bassa è una condizione dove i valori pressori (valori della pressione) stando a riposo, risultano essere inferiori alla norma. Questa patologia, durante i mesi estivi può subire un lieve peggioramento e aumentare i sintomi già presenti. Infatti, quando il caldo diventa intenso, i disturbi come la stanchezza, il pallore, le vertigini, i capogiri, l'annebbiamento della vista, il senso di svenimento, la confusione e i brividi di freddo, purtroppo possono prendere il sopravvento.

Che cosa fare in caso di pressione bassa o ipotensione? Prima di tutto è importante bere, in modo regolare durante l'arco dell'intera giornata e non solo quando si sente il bisogno. Da non sottovalutare l'apporto di sali minerali come il magnesio e il potassio, perché questi "elementi" sono indispensabili, per mantenere il nostro organismo in salute. Inoltre, bere bevande come il caffè e il tè e mangiare alimenti come il cioccolato extra fondente e la liquirizia, sono un valido aiuto per tirare su la pressione bassa. Praticare un pò di attività fisica, migliora la circolazione del sangue. Per normalizzarla, si possono anche assumere compresse a base di Ribes nigrum.

Nel caso i sintomi diventino persistenti è bene, affrontare l'argomento con il proprio medico, oppure potete esporre il problema parlandone con il nostro personale farmaceutico.

La cellulite è responsabile della comparsa dei capillari?

La cellulite è responsabile della comparsa dei capillari?

15 Agosto 2017

La cellulite, purtroppo una delle maggiori responsabili, provoca la comparsa dei capillari in evidenza. Il termine medico, per indicare i capillari in evidenza è teleangectasie. Questo problema è molto diffuso nelle donne e durante la stagione estiva, può peggiorare notevolmente.

La cellulite è un disturbo, che colpisce l'ipoderma, questo tessuto si trova sotto il derma e la sua natura è prevalentemente adiposa. L'accumulo di liquido, che viene perso dai vasi sanguigni, influisce mettendo i capillari in evidenza. Infatti, la parete dei piccoli capillari subisce spiacevoli conseguenze, che ne causano la dilatazione. Quando la pelle appare a buccia d'arancia, questo significa che i vari scambi di ossigeno, di anidride carbonica e di nutrienti per i tessuti, non avvengono correttamente e sono difficoltosi. E' importante essere a conoscenza, che la cellulite e i capillari in evidenza derivano da un'insufficienza venosa (il sangue fatica a tornare al cuore).

Recandovi nella nostra farmacia, il nostro personale specializzato sarà pronto ad accogliervi e rispondere ad ogni vostra domanda e vi proporrà, i prodotti più indicati e specifici, per tenere sotto controllo il problema legato ai capillari in evidenza.

L´estate interferisce sulla salute delle gambe

L´estate interferisce sulla salute delle gambe

14 Agosto 2017

La stagione estiva interferisce sulla salute delle gambe, perché quando il caldo diventa intenso i vasi sanguigni si dilatano. Infatti, la dilatazione dei vasi provoca nelle gambe un fastidioso senso di gonfiore e pesantezza.

Per combattere questo problema, una valida soluzione è utilizzare le creme a base di ippocastano, centella asiatica, ginkgo biloba e prodotti ricchi di flavonoidi (antiossidanti). Per un maggior sollievo, la crema da applicare sulle gambe, la potete conservare in frigorifero. Questi estratti aiutano le pareti dei vasi sanguigni a rimanere in salute e favoriscono il recupero dei liquidi da parte del sistema linfatico.

Altre soluzioni, che aiutano a prevenire fastidi alle gambe sono evitare di esporsi al sole durante le ore troppo calde, non stare troppo seduti o troppo in piedi nella stessa posizione, ma preferire delle camminate a passi veloci. E' fondamentale evitare alimenti troppo salati, bere regolarmente e fare docce, alternando acqua tiepida e fredda e cercare di dormire, possibilmente con le gambe sollevate. In più, per le donne è bene evitare d'indossare tacchi eccessivamente alti.

Per ulteriori domande e consigli, non esitate a visitare la nostra farmacia.

Come si cura l´eritema solare?

Come si cura l´eritema solare?

13 Agosto 2017

L'eritema solare, purtroppo è un problema che si forma sulla pelle del corpo o del viso, in mancanza della giusta protezione dai raggi solari. Questa infiammazione, infatti è causata maggiormente dai raggi UVB e per evitare la comparsa, di questo spiacevole fastidio è importante proteggere la pelle con i giusti filtri solari (protezione dai raggi UVB e i raggi UVA) e nelle ore più calde, stare lontani dal sole. La protezione solare, deve essere scelta in base al proprio fototipo di pelle e deve essere applicata regolarmente, durante l'esposizione al sole.

Per calmare e attenuare l'eritema solare bisogna idratare la pelle e applicare prodotti specifici, che siano ricchi di principi lenitivi e decongestionanti, che agiscano favorendo la rigenerazione della parte lesionata. I prodotti, più adatti per curare questo problema sono le emulsioni, le schiume e gli spray, perché si assorbono facilmente, non vanno massaggiate e in questo modo, si evita di strofinare la zona irritata dove compare l'eritema. Inoltre, se il dolore è insopportabile, si possono applicare molto delicatamente degli impacchi freddi utilizzando il ghiaccio, avvolgendolo in un panno soffice e di cotone.

Per consigli e prodotti specifici per trattare l'eritema solare, nella nostra farmacia, il nostro personale specializzato vi guiderà alla scelta più adatta alle vostre esigenze, per calmare il problema.

Se la vista si abbassa la sera, da cosa può dipendere?

Se la vista si abbassa la sera, da cosa può dipendere?

12 Agosto 2017

Quando la vista si abbassa la sera, questo disturbo può essere provocato da diversi fattori. Prima di tutto dobbiamo evidenziare, che le persone affette dalla miopia con il calare del sole e negli ambienti poco illuminati non vedono bene. Sulla qualità della vista, può incidere la forte carenza di vitamine, ma anche la stanchezza e l'affaticamento sono responsabili di un abbassamento momentaneo della vista la sera. In casi più gravi, la riduzione della vista in questo momento specifico della giornata, può derivare da una malattia dell'occhio che prende il nome di retinopatia pigmentaria e impedisce una vista chiara e limpida, ma in questo specifico caso è indispensabile sottoporsi ad una visita oculistica.

Per mantenere gli occhi in salute è importante assumere la giusta quantità di acqua e non far mai mancare la vitamina A, la E, la C e le vitamine appartenenti al gruppo B. La vitamina A è fondamentale, per il benessere della degli occhi e per migliorare la salute della vista, inoltre, un grande aiuto lo si può trovare negli integratori a base di mirtillo, perché grazie al loro elevato contenuto di antocianine, favoriscono l'adattamento della vista al buio e, influiscono a vedere meglio nelle ore serali.

Se questo problema, purtroppo accompagna le vostre serate, nella nostra farmacia e parlandone con il vostro medico di fiducia, troverete una valida soluzione.

E´ sicuro mangiare i frutti mare crudi?

E´ sicuro mangiare i frutti mare crudi?

11 Agosto 2017

E' sicuro mangiare i frutti di mare crudi? Molte persone amano, magiare questi alimenti crudi e per disinfettarli utilizzano il limone, ma anche se questo ingrediente svolge una potente azione disinfettante, purtroppo non è in grado di uccidere i pericolosi virus e i batteri, che si possono nascondere nei frutti di mare.

In base a quanto accennato nelle righe precedenti, mangiare i frutti di mare (vongole, cozze, telline, ostriche ed altri) non è sicuro, perché i molluschi filtrano molta acqua salata e nei loro tessuti, si possono nascondere molti germi e microrganismi. Questi pericolosissimi virus e batteri presenti nei frutti di mare possono dare origine a diverse malattie come le salmonelle, i vibrioni come quello del colera e l'epatite A.

Il consiglio è di non mangiare i frutti di mare crudi e, soprattutto quando non si conosce l'esatta provenienza, per una maggiore sicurezza è meglio cuocere questi alimenti ad una temperatura superiore agli 80 gradi per almeno 2 minuti, perché i batteri e i virus, sono sensibili alle temperature calde e quindi vengono uccisi.

Per dubbi, incertezze e domande, non esitate a venire nella nostra farmacia, perché saremo lieti di sciogliere ogni vostra perplessità su questo "argomento".

Integratori naturali di vitamine

Integratori naturali di vitamine

10 Agosto 2017

Il nostro organismo, per mantenersi in perfetta salute ha il costante bisogno di assumere, con regolarità una buona quantità di vitamine. La carenza di queste preziose sostanze, nel breve periodo non crea danni preoccupanti sulla salute fisica, ma nel lungo periodo possono comparire disturbi, che si riflettono a sfavore del benessere della salute e creano disagi, anche a livello psicologico. In questo nuovo articolo dedicato alla salute dell'organismo, ci occupiamo di questo argomento e vi presentiamo alcuni integratori alimentari naturali, in modo da farne una "buona scorta".

Integratori alimentari naturali

La vitamina A (retinolo) mantiene in buona salute la vista, la pelle, le ossa, i denti e rafforza il sistema immunitario. Si trova maggiormente, nelle carote, nel mango, nei broccoli e nel fegato.

La vitamina B1 (tiamina) protegge le funzioni nervose e l'apparato cardio vascolare. In più, facilita all'organismo il metabolismo dei carboidrati. Sono ricchi i pomodori, il latte i semi di girasole e l'anguria.

La vitamina B2 (Riboflavina) non deve essere mai carente, perché se viene a mancare provoca la carenza di altre importanti vitamine. Migliora la vista e la pelle e si trova in quantità elevate nelle uova, nei broccoli, gli spinaci e i crostacei.

La vitamina B3 (Niacina PP) la sua mancanza al nostro organismo può causare la pellegra, la dermatite e problemi all'intestino. Gli alimenti, che ne contengono una buona percentuale sono il pesce, i gamberi, le bistecche e le patate.

La vitamina B6 (Piridossina) è indispensabile per il corretto assorbimento degli amminoacidi e gli acidi grassi e facilita la sintesi dei globuli rossi. E' contenuta nei pomodori, nelle banane, gli spinaci e il riso.

La vitamina B12 (Cobalamina) mantiene sana la funzione delle cellule e la sua carenza, può causare l'anemia perniciosa. Il latte, il pesce, il pollo e le uova sono un'ottima fonte di questa vitamina.

La vitamina C (acido ascorbico) aumenta e rafforza le difese immunitarie e mantiene i tessuti delle arterie in buona salute. I più consigliati sono gli agrumi, il kiwi, le fragole e il mango.

La vitamina D rafforza e protegge le ossa. Si trova nelle uova, nel latte, nel fegato e nel sole. Non stupitevi, perché il sole contiene questa vitamina.

La vitamina K è fondamentale, per la coagulazione del sangue e sostiene la funzione delle proteine che formano le ossa. Questa vitamina è presente un buona percentuale nei broccoli, nei cavoli, nell'insalata e nelle rape.

Carenza di vitamine? Non scherziamo! Vieni in farmacia e sapremo consigliarti gli integratori migliori per assumere il giusto quantitativo di vitamine e minerali che non riesci a integrare con la sola alimentazione.

Come riconoscere la candida

Come riconoscere la candida

09 Agosto 2017

La candida vaginale o candida albicans è un disturbo, comune e molto frequente e riconoscere questo fastidio non è difficile. A causare questa infezione, il responsabile è un fungo che vive normalmente nella vagina, ma in alcune particolari situazioni, può dare origine ad una irritazione in questa zona del corpo estremamente delicata.

Questa irritazione genera un'infezione che, provoca diversi sintomi come il bruciore e il prurito intenso, il dolore, che invece varia in base allo stato del problema e in alcuni casi si avverte un male fisico, che può espandersi e diventare quasi insopportabile durante la minzione. Il vero segnale che si distingue nella candida vaginale, sono le perdite abbondanti di colore bianco, che non hanno un cattivo odore, ma sono dense e molto cremose e per questo vengono chiamate molto spesso "perdite a ricotta" o "perdite a latte cagliato". Un altro fastidio, che questa infezione causa con meno frequenza è la comparsa, di macchie chiare o bianche e arrossamenti sui genitali.

Per contrastare questa irritazione esistono, diversi farmaci antimicotici, sono efficaci e sicuri e nel dubbio, potete trovare un valido aiuto, chiedendoci consiglio o consultare il vostro medico, perché entrambi avremo una risposta sicura al vostro problema.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.